MOTUS-E
Blog-E

Agevolazioni IVA per le auto elettriche destinate al trasporto dei disabili

Agevolazioni IVA per le auto elettriche destinate al trasporto dei disabili. Ne avevamo già parlato sperando in un adeguamento della norma, ma nulla è cambiato.

La legge 104/92 regola le agevolazioni riconosciute alle persone disabili e ai familiari che se ne fanno carico. Tra le agevolazioni che si possono richiedere c’è l’IVA Agevolata al 4% per l’acquisto dell’automobile. La legge del 5 febbraio 1992, infatti, dice testualmente che l’IVA agevolata è applicabile ad auto di cilindrata fino a 2.000 cc se con motore a benzina e a 2800 cc se con motore diesel.” riportava il nostro articolo del 4 Marzo 2019.

Ad oggi, nel numero di ottobre 2019 di L’Agenzia Informa, il bollettino dell’Agenzia delle Entrate, riporta: “Per l’acquisto di veicoli elettrici spetta la detrazione Irpef ma non l’aliquota Iva ridotta, in quanto la relativa normativa subordina quest’ultima agevolazione alla cilindrata del veicolo. La detrazione spetta, inoltre, per l’acquisto di veicoli ibridi, modelli composti da due motori, uno termico e uno elettrico, che lavorano o alternati o combinati a seconda delle esigenze di potenza e di velocità. Per l’acquisto di tali veicoli è possibile beneficiare dell’aliquota Iva ridotta a condizione che la cilindrata del motore termico sia fino a 2.000 centimetri cubici, se lo stesso è alimentato a benzina, e a 2.800 centimetri cubici, se è alimentato a diesel.

Nulla è cambiato quindi. La legge subordina ancora l’applicazione dell’IVA agevolata alla cilindrata del veicolo.

Peccato che le auto elettriche non hanno alcuna cilindrata. Non rientrano quindi nelle agevolazioni IVA, con evidente svantaggio per gli automobilisti con disabilità che si vedono applicare la normale IVA al 22%.

Eppure, per le persone disabili, le auto elettriche sarebbero le più adatte: non hanno cambio, si guidano con estrema facilità e possono presentare una struttura molto semplice. I comandi, di fatti, possono essere facilmente concentrati sul volante, presentando una guida senza pedali.

Vogliamo inserire in questo contesto la petizione portata avanti da vai elettrico su CHANGE.org. Bisogna sensibilizzare le Istituzioni che devono intervenire per aggiornare la norma ed incentivare l’acquisto di veicoli elettrici, più adeguati per le persone disabili.

Firma qui la petizione.