MOTUS-E
Blog-E

Dalle aspirapolveri alla mobilità elettrica: Dyson lancia la sua prima auto elettrica

Autocar Dyson

Dalle aspirapolveri alle auto il passo può essere breve: James Dyson è pronto a lanciare la sua prima auto elettrica.

Per farlo ha inviato un’email a tutti i dipendenti pubblicando le domande di brevetto. Dyson Ltd è un’azienda inglese che progetta e produce elettrodomestici ed è nota per la qualità dei propri motori e tecnologie legati soprattutto all’aspirazione.

Nonostante la posizione di leader nel settore elettrodomestico, Dyson ha deciso di ampliare la propria gamma di produzione iniziando ad occuparsi anche di e-mobility. Il progetto rimane ancora segreto mentre sull’ammontare dell’investimento circolano indiscrezioni riportate da The Guardian secondo cui l’investimento complessivo potrebbe essere di circa 2,9 miliardi di euro.

Mr. Dyson ha comunicato che la sua azienda non si baserà sui modelli tradizionali di auto elettriche che, a suo parere, perdono di vista le opportunità in termini di efficienza e miglioramento dell’aereodinamicità che potrebbero garantire una notevole riduzione del peso. La fase produttiva di massa avrà luogo a Singapore, dove si trova il centro dedicato alla produzione degli elettrodomestici con oltre 1.100 dipendenti, nel mercato asiatico che è il più avanzato in ambito e-mobility.

 

Sempre stando a quanto scrive Dyson nell’email ai dipendenti, la lunghezza del veicolo dovrebbe essere di 5 metri, mentre il passo raggiungerà i 3,3. Inoltre, le ruote saranno posizionate molto in alto rispetto al terreno, dovrebbero avere dimensioni superiori alla media e saranno collocate molto vicino agli estremi posteriori e anteriori per garantire prestazioni migliori in città, dove non è raro trovare strade in cattive condizioni, e parcheggi più comodi. Inoltre, questo tipo di ruote garantirebbe una notevole resistenza al rotolamento.


Il lancio del prodotto è previsto per il 2021
, ma già da adesso Dyson immagina un’auto con parabrezza inclinato, con il guidatore che potrebbe trovarsi in una posizione reclinata. In tal modo l’impatto della parte frontale sull’aerodinamica sarebbe inferiore, con l’efficienza che ne guadagnerebbe, così come la comodità del guidatore.

Non ci resta che aspettare di vedere il progetto definitivo di questo visionario imprenditore.

 

Photo Credit: Auto Express