MOTUS-E
Blog-E

Turismo elettrico: dalle Cascate del Niagara ai percorsi emozionali della Salina

Le Cascate del Niagara sono una meta turistica di grande fascino e sicuro pregio, in grado di richiamare ogni anno oltre 1,6 milioni di visitatori americani e non solo. Oggi più che mai, l’obiettivo è preservare la sua bellezza naturale. Per questo, a partire dal prossimo anno, milioni di turisti potranno fare affidamento su una navigazione in barca elettrica. Quale migliore scenario per veicolare il messaggio delle emissioni zero?

La decisione è stata presa dall’operatore turistico americano Maid of the Mist, che per la sua missione di conversione si è affidato ad ABB. L’operato del gigante elettrico non si ferma al solo sistema di propulsione, ma si estende anche verso una raffinata tecnologia di ricarica rapida dei traghetti. L’obiettivo di questa conversione da parte di Maid of the Mist è duplice: si vuole sia regalare al turista una visita totalmente immersiva ed incontaminata, ovviando al fastidio provocato dai motori e dalle vibrazioni, sia soprattutto eliminare le emissioni dei gas di scarico legate naturalmente ai motori diesel.

Ciò che incuriosisce, oltre alla promozione di una navigazione elettrica, è la sperimentazione del sistema di ricarica. Le imbarcazioni faranno pit-stop per ricaricare le batterie ad ogni fermata, ovvero durante l’imbarco e lo sbarco dei passeggeri; il fatto straordinario è che la ricarica da terra impiegherà solo sette minuti. ABB fornirà inoltre un sistema di gestione della potenza e dell’energia, PEMS, ottimizzando il consumo energetico a bordo.

Oltre alla mancanza di emissioni significative durante la navigazione, anche l’energia necessaria sarà prodotta in modo green grazie all’utilizzo dell’idroelettrica. Pulita ed homemade dato che è ben presente in loco e rappresenta il 7% della produzione totale di energia a livello nazionale. Un sistema integrato che sarà quasi completamente privo di emissioni.

Non solo America, ma anche in Italia Salina di Cervia, nota destinazione turistica con tanta vita, patrimonio culturale e naturale, tiene alta la bandiera della sperimentazione elettrica nel campo turistico.

Anche qui le barche sono protagoniste di un percorso che punta a creare un turismo emozionale, dove i suoni della natura si sostituiscono ai motorie i profumi dell’ambiente alla puzza del gasolio. La cooperativa Atlantide organizza diverse escursioni in barca elettrica che si snodano lungo percorsi immersi nella natura con la Salina come destinazione finale. Un mezzo decisamente discreto che permette al turista di cogliere suoni, colori e profumi senza distrazioni.