Seguici su

Analisi di mercato

Aprile 2020 – Nella tempesta, barra dritta senza cedimenti

Aprile 2020

Dati aggiornati al 31 Marzo 2020

Progressivo vendite 2020

BEV

5.902

PHEV

2.967

Parco circolante

48.001

Vendita del mese percentuale

BEV

67%

PHEV

33%

Distribuzione geografica

Totale unità Bev+Phev

8.869

Variazione vendite Year To Date

YTD

+121%

Totale 2020

8.869

Totale 2019

4.008

Le 5 auto BEV più vendute in Italia

1. Renault Zoe
1.218

2. Tesla Mod. 3
746

3. Peugeot 208
644

4. Vw Up
630

5. Smart ForTwo
627

Punti di ricarica e infrastrutture

Totale punti di ricarica

13.721

Totale infrastrutture

7.207

Gli effetti del Covid-19 sul mercato auto in tutta Europa stanno facendosi sentire con tutta la loro forza. L’Italia registra un -97% di immatricolazioni complessive. L’elettrico, purtroppo, conferma il trend, seppur meno marcato delle trazioni endotermiche, che ha visto la vendita di poco più di 4.400 veicoli nel mese di riferimento.
Ad aprile 2020, con 526 vetture elettriche immatricolate, si sono registrate 1.220 auto vendute in meno rispetto allo stesso mese del 2019, complessivamente pari a un -69% dell’intero mercato dell’elettrico (BEV+PHEV).

Tuttavia è opportuno analizzare l’andamento sull’anno 2020 e non solo questo aprile così affetto dalla crisi. Il dato YTD per l’elettrico infatti, che tiene in considerazione le immatricolazioni dal 1 gennaio ad oggi, registra un andamento molto positivo rispetto allo stesso periodo del 2019 (+146% per le sole BEV), che fa da contraltare a una decrescita generale delle immatricolazioni dal 2019 a oggi (-50%).

Analizzando le vendite dei primi quattro mesi, nel 2019 risultavano immatricolate 4.861 autovetture elettriche, mentre nel 2020 8.869, pari a un incremento del 121%. Questo lascia presupporre, dunque, che questo segmento di veicoli, in rapida crescita nei primi due mesi 2020, avrebbe potuto continuare a crescere in modo esponenziale lungo tutto l’anno – come previsto da MOTUS-E – se non fosse intervenuto il fattore di crisi che ha messo in difficoltà l’intero comparto automotive e dei trasporti in Italia.

In questo senso riteniamo dunque opportuno, come richiesto anche al Governo, mantenere ben saldo il timone verso la decarbonizzazione del settore dei trasporti. Sarebbe miope confondere misure di sostegno di breve termine, pur necessarie, con le misure di lungo termine indispensabili a garantire un futuro più pulito nelle nostre strade. Ciò richiede un impegno nel supporto alla transizione. Si rischierebbe di generare danni irreversibili se si cedesse unicamente a tentazioni “fossili” che rappresentano un palliativo più che una soluzione.
Drenare risorse all’elettrico ora, sia in forma economica che non economica, rischierebbe di frenare pericolosamente il nostro Paese, oltre a minarne la competitività rispetto ad altri, pronti invece a ripartire prima di noi e senza dietrofront rispetto a misure di sostenibilità di medio e lungo termine.

Charging Point Operator

Elaborazione MOTUS-E sui principali operatori presenti sul mercato Include solo le infrastrutture pubbliche o ad uso pubblico
Se sei un operatore e vuoi integrare il database con i dati sulle tue infrastrutture

Scrivici

I dati verranno trattati in modo aggregato e anonimo.

Nota metodologica

Questa pagina ha lo scopo di analizzare l’andamento del mercato dei veicoli elettrici attraverso dati autorevoli e aggiornati su base mensile.

Tale obiettivo è possibile grazie alla partnership avviata con Dataforce, una società indipendente che opera a livello europeo e internazionale fornendo all’industria automobilistica dati ed analisi ad alto contenuto qualitativo relativi alle nuove immatricolazioni e ai vari canali di vendita presenti sui mercati. Fondata nel 1997, la società ha il proprio quartiere generale in Germania a Francoforte sul Meno, dove lavorano oltre 80 dipendenti, e filiale italiana a Roma, la cui responsabilità è affidata al Country Manager Salvatore Saladino.

La partnership con MOTUS-E nasce con l’obiettivo di analizzare nel maggior dettaglio possibile il mercato della mobilità alternativa, sia privata che commerciale, individuando trend e possibilità di sviluppo futuro. Dataforce, in collaborazione con gli analisti di MOTUS-E, è in grado di fornire agli associati studi ed analisi approfonditi, anche di forecast, non solo in termini di alimentazione, ma anche a livello territoriale (regione/provincia), di tipologia di veicolo e per canale di mercato.

X