Al via il progetto “Facciamo chiarezza” di Motus-E. Il segretario generale Naso: “L’obiettivo è consentire a tutti di raggiungere con facilità dati e analisi certi, spesso appannaggio solo degli addetti ai lavori”

Rispondere alle principali domande sulla mobilità elettrica, garantendo a tutti i cittadini un punto d’accesso facilitato a dati e analisi attendibili e verificati spesso appannaggio solo di esperti e addetti ai lavori. Nasce con questo obiettivo il progetto “Facciamo chiarezza” di Motus-E, che vede in questa prima fase la creazione di una pagina ad hoc (www.motus-e.org/qa) per raccogliere sotto forma di Q&A i quesiti più dibattuti sul web quando si parla di elettrificazione dei trasporti.

“Il valore aggiunto dell’iniziativa”, sottolinea il segretario generale di Motus-E, Francesco Naso, “è che le risposte non si limitano a condensare i punti chiave di report nazionali e internazionali su ciascuno dei temi trattati, ma consentono di accedere direttamente a questi studi, per permettere a tutti di approfondire con il massimo grado di dettaglio e attendibilità gli argomenti di interesse”.

“È sano ed è utile che l’avvento di una nuova tecnologia in un settore chiave come la mobilità stimoli interesse, riflessioni e interrogativi”, aggiunge Naso, osservando che “tuttavia, in un mondo sempre più caratterizzato da folate di informazioni frammentarie e non sempre corrette e complete, non è semplice individuare fonti rigorose e autorevoli dove trovare le risposte che si cercano. Per questo motivo siamo convinti che mettere a disposizione della collettività un ‘contenitore’ di informazioni vivo e in costante aggiornamento sia un passaggio indispensabile per diffondere la conoscenza su un argomento così importante, in modo da alimentare un dibattito pubblico sgombro dalle fake news, consapevole e basato su numeri ed evidenze scientifiche”.

Il Q&A di Motus-E conta oggi 30 domande e risposte, con oltre 120 fonti liberamente accessibili al pubblico, che continueranno a essere implementate e aggiornate nel tempo per garantire una raccolta di informazioni sempre puntuale e affidabile.

Continua a leggere

  • Pubblicato il 2 Aprile 2024

  • Pubblicato il 25 Marzo 2024

  • Pubblicato il 20 Marzo 2024